Mi ritorni in mente, ep. 15

Non ricordo quando è stata la prima volta che ho ascoltato l’album d’esordio delle tre sorelle Staveley-Taylors. Forse un anno fa o forse più. Ultimamente però le ho ritrovate in mezzo alla mia collezione e nonostante abbia già ascoltato più volte Dead & Born & Grown non ne ho mai scritto su questo blog. Così ho pensato di ritirarlo fuori e concedergli qualche ascolto ancora. Allora non mi aveva entusiasmato, a parte un paio di brani, ma forse avevo fatto il passo più lungo della gamba. Un anno fa non ero così in confidenza con la musica folk come lo sono oggi ed è forse per questo che non ho apprezzato fino in fondo questo album. Sono convinto che la musica delle The Staves suonerà differente alle mie orecchie d’ora in poi.

La prima canzone che ho ascoltato è probabilmente il loro cavallo di battaglia, ovvero Mexico. Una canzone magica e intima che delinea le principale caratteristiche del trio femminile. Musica acustica essenziale e voci sussurrate. Ascolterò di nuovo Dead & Born & Grown perchè sono sicuro che mi piacerà di più rispetto ad un anno fa. E non mancherò di riportare le mie sensazioni su questo blog.

Annunci