Non mi giudicate – 2017

L’ultimo giorno è arrivato e come sono solito fare da tre anni, pubblico una lista dei migliori album di questo 2017 appena finito. Se devo essere sincero, questa volta ho fatto davvero fatica a scegliere. Non perché è stato un anno povero di buona musica, al contrario, ho dovuto “sacrificare” qualcuno che ha comunque trovato spazio per una menzione d’onore dopo gli album e gli artisti premiati. Per chi volesse avere una panoramica più completa di tutti i nuovi album che ho ascoltato quest’anno può trovarli tutti qui: 2017. In realtà, ci sono altri album che non hanno avuto spazio su questo blog, forse lo troveranno in futuro o forse no.

  • Most Valuable Player: Amy Macdonald
    Lasciatemi cominciare con il ritorno di Amy Macdonald e il suo nuovo Under Stars a cinque anni di distanza dall’ultimo album. Un ritorno che attendevo da tempo e non poteva mancare in questa rassegna di fine anno. Bentornata.
    Amy Macdonald – Down By The Water
  • Most Valuable Album: Semper Femina
    Laura Marling è sempre Laura Marling. Il suo Semper Femina è la dimostrazione che la Marling non può sbagliare, è più forte di lei. Ogni due anni lei ritorna e ci fa sentire di cosa è capace. Inimitabile.
    Laura Marling – Nouel
  • Best Pop Album: Lust For Life
    Non passano molti album pop da queste parti ma ogni volta che c’è Lana Del Rey non posso tirarmi indietro. Lust For Life è uno dei migliori della Del Rey che è riuscita a non cadere nella tentazione di essere una qualunque pop star. Stregata.
    Lana Del Rey – White Mustang
  • Best Folk Album: The Fairest Flower of Womankind
    La bravura di Lindsay Straw e la sua ricerca per questa sorta di concept album sono eccezionali. Un album folk nel vero senso del termine che mi ha fatto avvicinare come non mai alla canzone tradizionale d’oltre Manica. Appassionante.
    Lindsay Straw – Maid on the Shore
  • Best Country Album: All American Made
    Il secondo album di Margo Price la riconferma come una delle migliori cantautrici country in circolazione con uno stile inconfondibile. Non mancano le tematiche impegnate oltre alle storie di vita americana. Imperdibile.
    Margo Price – A Little Pain
  • Best Singer/Songwriter Album: The Weather Station
    Determinato e convincete il ritorno di Tamara Lindeman, sempre più a sua agio lontano delle sonorità folk. Il suo album omonimo è un flusso di coscienza ininterrotto nel quale viene a galla tutta la sua personalità. Profondo.
    The Weather Station – Kept It All to Myself
  • Rookie of the Year: Colter Wall
    Scelta difficilissima quest’anno. Voglio puntare sulla voce incredibile del giovane Colter Wall. Le sue ballate country tristi e nostalgiche sono da brividi. Serve solo un’ulteriore conferma e poi è fatta. Irreale.
    Colter Wall – Me and Big Dave
  • Sixth Man of the Year: Jeffrey Martin
    Forse la sorpresa più piacevole di quest’anno. Questo cantautore americano sforna un album eccellente. In One Go Around ogni canzone è un piccolo gioiello, una poesia che non risparmia temi importanti. Intenso.
    Jeffrey Martin – Poor Man
  • Defensive Player of the Year:  London Grammar
    Il trio inglese ritorna in scena con una album che riconferma tutto il loro talento. Con Truth Is A Beautiful Thing non rischiano ma vanno a rafforzare la loro influenza electropop lontano dalle classifiche. Notturni.
    London Grammar – Non Believer
  • Most Improved Player: Lucy Rose
    Con il suo nuovo Something’s Changing la cantautrice inglese Lucy Rose, si rialza dalle paludi in un insidioso pop che rischiava di andargli stretto. Un ritorno dove il cuore e le emozioni prendono il sopravvento. Sensibile.
    Lucy Rose – End Up Here
  • Throwback Album of the Year: New City Blues
    L’esordio di Aubrie Sellers è un album che ascolto sempre volentieri. Il country blues di questa figlia d’arte è orecchiabile e piacevole da ascoltare. Un’artista da tenere d’occhio il prossimo anno. Affascinante.
    Aubrie Sellers – Sit Here And Cry
  • Earworm of the Year: Church And State
    Non è stato l’anno dei ritornelli, almeno per me, ma non in questo post poteva mancare Evolutionary War, esordio di Ruby Force. La sua Church And State è una delle sue canzoni che preferisco e che mi capita spesso di canticchiare. Sorprendente.
    Ruby Force – Church and State
  • Best Extended Play: South Texas Suite
    Non potevo nemmeno escludere Whitney Rose. Il suo EP South Texas Suite ha anticipato il suo nuovo album Rule 62. Il fronte canadese del country avanza sempre di più e alla guida c’è anche lei. Brillante.
    Whitney Rose – Bluebonnets For My Baby
  • Most Valuable Book: Storia di re Artù e dei suoi cavalieri
    L’opera che raccoglie le avventure di re Artù e dei cavalieri della Tavola Rotonda mi ha fatto conoscere meglio i suoi personaggi. Scritto dal misterioso Thomas Malory e pubblicato nel 1485, questo libro è stato appassionante anche se non sempre di facile lettura.

Questi album hanno passato una “lunga” selezione ma non potevano mancare altre uscite, che ho escluso solo perché i posti erano limitati. Partendo dagli esordi folk di Emily Mae Winters (Siren Serenade), Rosie Hood (The Beautiful & The Actual) e dei Patch & The Giant (All That We Had, We Stole). Mi sento di consigliare a chi ha un’anima più country, due cantautrici come Jade Jackson (Gilded) e Jaime Wyatt (Felony Blues). Per chi preferisce un cantautorato più moderno e alternativo c’è Aldous Harding (Party). Chi invece preferisce qualcosa di più spensierato ci sono i Murder Murder (Wicked Lines & Veins). Questo 2017 è stato un album ricco di soddisfazioni e nuove scoperte. Spero che il prossimo si ancora così, se non migliore.

Buon 2018 a chi piace ascoltare musica e a chi no…

best-of-2017

Annunci

More di gelso

Lo scorso anno mi avvicinai alla musica di Rosie Hood attraverso il suo omonimo EP d’esordio. Composto da cinque ballate tradizionali cantante con la voce cristallina della cantautrice folk inglese, ha subito stuzzicato il mio interesse verso la musica folk tradizionale. Rosie Hood fa anche parte del gruppo The Dovetail Trio, di cui, a suo tempo, avevo già preso nota di procurarmi il loro album Wing of Evening del 2015. Lo scorso mese è stato pubblicato il suo album d’esordio solista intitolato The Beautiful & The Actual che raccoglie le canzoni che in questi anni Rosie Hood ha proposto dal vivo. Non potevo lasciarmi scappare l’occasione di ascoltare questo album, sicuro di trovare al suo interno canzoni folk fatte con cura e passione.

Rosie Hood
Rosie Hood

Lover’s Ghost mette subito al centro dell’attenzione la voce della Hood, che propone una variazione della ballata tradizionale The Holland Handkerchief. La storia racconta di un giovane morto di dolore per essere stato allontanato dalla sua amata, che fa ritorno da lei come fantasma, “Nine days after this young man died, / His ghost appeared at her bedside / ‘Rise, rise, my love and come with me, / And break these chains and set me free.’“. La successiva A Furlong Flight è una delle mie preferite ed è una canzone originale. Racconta la storia di un monaco del XI secolo che provò a volare. La canzone sembra una ballata tradizionale che si incastra perfettamente all’interno dell’album. Da ascoltare. William’s Sweetheart si basa sulla tradizionale William Taylor che racconta di una ragazza si finge un uomo per imbarcarsi e andare alla ricerca del suo amore di cui non ha più notizie. Quando scopre il tradimento, lo uccide. La particolarità di questa versione è il punto di vista che si sposta in prima persona nel ruolo della ragazza, “I boldly called for a brace of pistols / Which were brought at my command; / And there I shot my dearest William Taylor, / With his bride at his right hand“. Lord Lovel è una commovente storia di un amore. Lord Lovel parte per un lungo viaggio e promette di tornare il più presto dalla sua amata Lady Nancy Belle. Quando fa ritorno scopre che Lady Nancy è morta e decide di seguirla nella morte. Dorothy Lawrence è un altro brano originale che ricalca fedelmente i tratti tipici della canzone tradizionale delle terre d’Albione. Rosie Hood da prova delle sue capacità di songwriting oltre che vocali. Irresistibile la ballata Baker’s Oven che racconta di un fornaio sceglie di usare come pietre del suo forno le lapidi di un cimitero. Il suo pane finisce così per essere marchiato con gli epitaffi più disparati, creando malumore ma anche qualche risata, “‘Get up, you wretch! and come and see the blunders you have made! / Your tombstone bottoms sure will prove a deathblow to my trade.’ / He took him to the bakehouse where a curious sight was seen, / The words on every loaf were marked that on the tombstone been“. The Little Blind Girl è tratta da una raccolta di canzoni tradizionali di Alfred Williams e racconta la triste fine di una povera ragazza ceca morta di freddo ma con una storia da raccontare, “Twas a drear November morning when the air was dull and chill, / When we spied the poor blind girl left to die upon the hill; / In her hand a written paper told her history, short but sad, / Why thus lovely, blind and starving, and why left so thinly clad“. La curiosa The Red Herring è un riadattamento di una ballata tradizionale che descrive in modo giocoso i vari usi delle parti del corpo di un’aringa. La musica composta dalla Hood da un’aura magica alla canzone, un valore aggiunto, “What do you think I made of my red herring’s fins? / The very best case that ever held pins. / There’s needles and bodkins and other fine things, / You think I made much of my jolly herring?“. Adrift, Adrift è una canzone originale scritta da Rosie Hood. Con sensibilità e poesia racconta uno dei problemi che affligge la nostra società, costringendo le persone a spostarsi di paese in paese, abbandonando la loro casa. Una delle canzoni originali più belle è certamente The Hills Of Kandahar, toccante canzone ispirata da alcuni fatti legati alla guerra in Afghanistan. Impreziosita dall’accompagnamento musicale di Ollie King. C’è spazio ancora per la tradizione con The Cruel Mother. Una canzone in che vede la partecipazione di Emily Portman, seconda voce del brano che crea un gioco di voci e melodia, ripetendo due versi del testo originale, “There was a lady in our town / ‘Jenny poor gentle Rosemary’ / She courted a man til her apron grew round / ‘When the dew lies under the mulberry tree’“. Chiude l’album la ballata Undaunted Female che racconta la storia la storia di una ragazza che affronta un rapinatore e con l’aiuto di un gentiluomo, uccidono tutta la sua banda. Rosie Hood ricama la storia quasi esclusivamente con la voce, dando prova del suo talento.

The Beautiful & The Actual è un album che dà nuova vita alle ballate folk tradizionali, alternandone alcune tristi con altre più gioiose. Le canzoni originali sono perfettamente in sintonia con il resto dell’album, segno che Rosie Hood è riuscita a mantenere intatto lo spirito della tradizione anche in nuove composizioni. Fino a qualche anno fa non avrei mai pensato che il folk tradizionale sarebbe entrato così prepotentemente nella mia collezione musicale ma grazie ad artisti giovani come Rosie Hood, ho avuto modo di scoprire un genere spesso rivolto ad un pubblico circoscritto. Ma non bisogna dimenticare che la musica folk inglese, scozzese e irlandese in particolare, è alla base di molti generi musicali che ancora oggi ascoltiamo. Questo The Beautiful & The Actual è una buona occasione per riscoprire la tradizione folk e scoprire una delle sue più talentuose rappresentanti.

Sito Ufficiale / Facebook / Twitter / Soundcloud