Non mi giudicate – 2017

L’ultimo giorno è arrivato e come sono solito fare da tre anni, pubblico una lista dei migliori album di questo 2017 appena finito. Se devo essere sincero, questa volta ho fatto davvero fatica a scegliere. Non perché è stato un anno povero di buona musica, al contrario, ho dovuto “sacrificare” qualcuno che ha comunque trovato spazio per una menzione d’onore dopo gli album e gli artisti premiati. Per chi volesse avere una panoramica più completa di tutti i nuovi album che ho ascoltato quest’anno può trovarli tutti qui: 2017. In realtà, ci sono altri album che non hanno avuto spazio su questo blog, forse lo troveranno in futuro o forse no.

  • Most Valuable Player: Amy Macdonald
    Lasciatemi cominciare con il ritorno di Amy Macdonald e il suo nuovo Under Stars a cinque anni di distanza dall’ultimo album. Un ritorno che attendevo da tempo e non poteva mancare in questa rassegna di fine anno. Bentornata.
    Amy Macdonald – Down By The Water
  • Most Valuable Album: Semper Femina
    Laura Marling è sempre Laura Marling. Il suo Semper Femina è la dimostrazione che la Marling non può sbagliare, è più forte di lei. Ogni due anni lei ritorna e ci fa sentire di cosa è capace. Inimitabile.
    Laura Marling – Nouel
  • Best Pop Album: Lust For Life
    Non passano molti album pop da queste parti ma ogni volta che c’è Lana Del Rey non posso tirarmi indietro. Lust For Life è uno dei migliori della Del Rey che è riuscita a non cadere nella tentazione di essere una qualunque pop star. Stregata.
    Lana Del Rey – White Mustang
  • Best Folk Album: The Fairest Flower of Womankind
    La bravura di Lindsay Straw e la sua ricerca per questa sorta di concept album sono eccezionali. Un album folk nel vero senso del termine che mi ha fatto avvicinare come non mai alla canzone tradizionale d’oltre Manica. Appassionante.
    Lindsay Straw – Maid on the Shore
  • Best Country Album: All American Made
    Il secondo album di Margo Price la riconferma come una delle migliori cantautrici country in circolazione con uno stile inconfondibile. Non mancano le tematiche impegnate oltre alle storie di vita americana. Imperdibile.
    Margo Price – A Little Pain
  • Best Singer/Songwriter Album: The Weather Station
    Determinato e convincete il ritorno di Tamara Lindeman, sempre più a sua agio lontano delle sonorità folk. Il suo album omonimo è un flusso di coscienza ininterrotto nel quale viene a galla tutta la sua personalità. Profondo.
    The Weather Station – Kept It All to Myself
  • Rookie of the Year: Colter Wall
    Scelta difficilissima quest’anno. Voglio puntare sulla voce incredibile del giovane Colter Wall. Le sue ballate country tristi e nostalgiche sono da brividi. Serve solo un’ulteriore conferma e poi è fatta. Irreale.
    Colter Wall – Me and Big Dave
  • Sixth Man of the Year: Jeffrey Martin
    Forse la sorpresa più piacevole di quest’anno. Questo cantautore americano sforna un album eccellente. In One Go Around ogni canzone è un piccolo gioiello, una poesia che non risparmia temi importanti. Intenso.
    Jeffrey Martin – Poor Man
  • Defensive Player of the Year:  London Grammar
    Il trio inglese ritorna in scena con una album che riconferma tutto il loro talento. Con Truth Is A Beautiful Thing non rischiano ma vanno a rafforzare la loro influenza electropop lontano dalle classifiche. Notturni.
    London Grammar – Non Believer
  • Most Improved Player: Lucy Rose
    Con il suo nuovo Something’s Changing la cantautrice inglese Lucy Rose, si rialza dalle paludi in un insidioso pop che rischiava di andargli stretto. Un ritorno dove il cuore e le emozioni prendono il sopravvento. Sensibile.
    Lucy Rose – End Up Here
  • Throwback Album of the Year: New City Blues
    L’esordio di Aubrie Sellers è un album che ascolto sempre volentieri. Il country blues di questa figlia d’arte è orecchiabile e piacevole da ascoltare. Un’artista da tenere d’occhio il prossimo anno. Affascinante.
    Aubrie Sellers – Sit Here And Cry
  • Earworm of the Year: Church And State
    Non è stato l’anno dei ritornelli, almeno per me, ma non in questo post poteva mancare Evolutionary War, esordio di Ruby Force. La sua Church And State è una delle sue canzoni che preferisco e che mi capita spesso di canticchiare. Sorprendente.
    Ruby Force – Church and State
  • Best Extended Play: South Texas Suite
    Non potevo nemmeno escludere Whitney Rose. Il suo EP South Texas Suite ha anticipato il suo nuovo album Rule 62. Il fronte canadese del country avanza sempre di più e alla guida c’è anche lei. Brillante.
    Whitney Rose – Bluebonnets For My Baby
  • Most Valuable Book: Storia di re Artù e dei suoi cavalieri
    L’opera che raccoglie le avventure di re Artù e dei cavalieri della Tavola Rotonda mi ha fatto conoscere meglio i suoi personaggi. Scritto dal misterioso Thomas Malory e pubblicato nel 1485, questo libro è stato appassionante anche se non sempre di facile lettura.

Questi album hanno passato una “lunga” selezione ma non potevano mancare altre uscite, che ho escluso solo perché i posti erano limitati. Partendo dagli esordi folk di Emily Mae Winters (Siren Serenade), Rosie Hood (The Beautiful & The Actual) e dei Patch & The Giant (All That We Had, We Stole). Mi sento di consigliare a chi ha un’anima più country, due cantautrici come Jade Jackson (Gilded) e Jaime Wyatt (Felony Blues). Per chi preferisce un cantautorato più moderno e alternativo c’è Aldous Harding (Party). Chi invece preferisce qualcosa di più spensierato ci sono i Murder Murder (Wicked Lines & Veins). Questo 2017 è stato un album ricco di soddisfazioni e nuove scoperte. Spero che il prossimo si ancora così, se non migliore.

Buon 2018 a chi piace ascoltare musica e a chi no…

best-of-2017

Annunci

Il più bel fiore

Mi piace ascoltare musica e questo blog è qui a dimostrarlo. La cosa più bella non è solo ascoltare ma soprattutto scoprire e sperimentare. Questo mi porta alla ricerca di una sorta di purezza musicale, una bellezza primordiale perduta ma sempre tenuta in vita da artisti volenterosi e appassionati. Un esempio perfetto di questo genere di artista è Lindsay Straw, cantautrice e musicista americana che da anni porta avanti la tradizione irlandese e scozzese. Accompagnata dai quei musicisti che con lei formavano la band The Ivy Leaf, Lindsay Straw pubblica il suo secondo album intitolato The Fairest Flower Of Womankind. Una raccolta di canzoni tradizionali tutte da scoprire, dove la figura femminile è protagonista, che attraverso il canto hanno attraversato la storia per giungere fino alle nostre orecchie.

Lindsay Straw
Lindsay Straw

The Forester è una splendida ballata conosciuta anche con il titolo di The Knight and the Shepherd’s Daughter. Lo stile della Straw cattura l’attenzione dell’ascoltatore, raccontandoci di una storia nella quale una donna trova giustizia. Da ascoltare, “‘I’m a forester in this wood and you’re the same design, / It’s the mantle of your maidenhead, bonny lassie, will be mine.’ / He took her by the milk-white hand and he laid her on the ground, / And when he had the will of her, he let her up again. / Singing di-dee-eye-oh, sing fa-la-doh, sing di-dee-eye-oh, ah-yay“. The Maid Of The Shore ha il fascino delle ballate di mare. Protagonista una donna che inganna l’uomo che la voleva con sé. L’essenzialità nella musica di questa canzone riporta a quella bellezza che solo le canzoni tradizionali sanno far emergere con la loro poesia, “‘Oh, thank you, oh, thank you, this young maid,’ she cried, / ‘That’s just what I’ve been waiting for, oh. / For I’ve grown so weary of my maidenhead, / As I walked all alone on my rocky old shore, / And walked all alone on my shore.’“. The Female Rambling Sailor ci racconta la triste storia di Rebecca Young, che fingendosi un uomo, riesce a diventare un marinaio. La donna muore a causa di un incidente o forse viene uccisa a causa del suo sesso, “From stem to stern she freely goes, / she braves all dangers, fears no foes, / And soon you’ll hear of the overthrow / of the female rambling sailor“. Basket Of Eggs racconta la storia di una donna che ha accettato di allevare un bambino che due marinai avevano inconsapevolmente ricevuto da una donna in un cestino. Lindsay Straw incanta solo con la voce, “One of these sailors, he picked up the basket; / ‘There’s eggs in the basket, please take care; / And if by chance you should outwalk me, / At the halfway house, please leave them there.’“. La ballata di Fair Annie, racconta la storia di Annie che scopre che la sposa dell’uomo che ama è sua sorella. Una storia dove i destini di due donne s’incontrano, “‘Who was your father, Fair Annie, do you know who your mother was?’ / ‘King Easter was my father dear, the queen my mother was.’ / ‘The queen my mother was also, my father King Easter, too, / So it shall not be for lack of gold that your love shall part from you.’“. La successiva Geordie è una delle tante versioni di una ballata che in Italia è stata tradotta e cantata da Fabrizio De André. Le due storie sono diverse, anche come ambientazione, ma il tema di fondo è lo stesso: una donna disposta a tutto pur di salvare il suo amato Geordie, “There was a battle in the north, and nobles there were many, / And they have killed Sir Charlie Hay, and laid the blame on Geordie“. Young Beichan è composta da due tracce, e racconta la storia di un giovane prigioniero di un re straniero, in questo caso è turco. La figlia del re libera il giovane inglese che promette di sposarla. Anni dopo, fedele alla promessa, sposa la figlia del re nonostante fosse promesso sposo ad un’altra donna, “‘Take home your daughter, madam,’ says he, ‘with all my lands to be her fee; / For I must marry my truest love that gave me life and liberty.’“. Una donna viene sedotta da un cavaliere straniero che la deruba e tenta di ucciderla. Ma la donna si difende e uccide il cavaliere, vendicando la morte delle sue precedenti vittime, “Lie there, lie there, you false-hearted man, / Lie there instead of me. / For six pretty maidens have you drowned here, / But the seventh has drowned thee, drowned thee; / The seventh has drowned thee“. The Crafty Maid’s Policy/Fingal’s Cave (strathspey)/Sheepskins & Beeswax (reel) è una ballata nella quale una donna si prende gioco di tre gentiluomini, con un finale strumentale molto bello, “Come listen awhile and I’ll sing you a song, / Of three merry gentlemen riding along. / They met a fair maid and to her did say, / ‘We’re afraid this cold morning will do you some harm“. In William Taylor, la giovane Sarah Jane si imbarca fingendosi un uomo per cercare il suo amato. Il capitano della nave scopre l’inganno e le rivela che William Taylor si è sposato con un’altra donna e gli dice dove trovarlo. Sarah Jane uccide William e il capitano gli affida il comando, “On the ship there was a battle, / She fought there with all the rest; / Her jacket burst her silver buttons, / There appeared her snow white breast, oh, / There appeared her snow white breast“. Sweet Lovely Joan è la storia di un donna che, con l’inganno, deruba un cavaliere e scappa per sposare il suo vero amore, “Oh, noble knight, pray you forbear, / I cannot marry you, I swear; / For on tomorrow I’m to wed, / My own, my own, true love instead“. Chiude l’album Blow Away The Morning Dew che vede protagonista ancora una volta una donna che si fa valere nei confronti di un pretendente, “Oh, it’s aye, the dewy morning, blow the winds aye-oh, / Blow the winds of a dew morning, how sweet the winds do blow“.

The Fairest Flower Of Womankind è una sorta di concept album, sulla rivincita delle donne nelle canzoni tradizionali. Lindsay Straw fa un grande lavoro di ricerca e mette insieme tredici storie che, a metà tra fantasia e realtà, ancora appassionano e fanno riflettere. Il tempo passa ma queste ballate conservano un fascino del tutto particolare, così lontane per come si presentano ma ancora attuali nei loro messaggio. Ascoltare questo album è qualcosa di speciale, per le sue melodie e la sua poesia, interpretate magistralmente dalla Straw e la sua band. Ho voluto fare un po’ di ricerche per poter scrivere questo post, perché queste canzoni lo meritavano per la storia che portano con loro. Se volete approfondire, ho consultato questo interessante sito The Traditional Ballad nel quale troverete tutte le canzoni di questo album (e moltissime altre) e da dove ho tratto le informazioni sulle storie che racchiude.

 

Sito Ufficiale / Facebook / Twitter / YouTube / Soundcloud / Bandcamp