Mi ritorni in mente, ep. 39

Qualche giorno fa è stato pubblicato un video live di una nuova canzone della cantautrice inglese Lucy Rose, intitolata Find Myself. La particolarità del video, e di tutti quelli pubblicati dal canale Headphone Sessions, è la tecnica di registrazione audio. Infatti è stata fatta utilizzando la tecnica binaurale, che nonostante il nome è piuttosto semplice. Dato che ognuno di noi ha due orecchie, perchè non usare due microfoni posti alla stessa distanza? Come insegna Wikipedia in merito, questa soluzione non è sufficiente perchè mancherebbe la testa di mezzo. La registrazione binauraleha come obiettivo avvicinarsi il più possibile a ciò che si ascolterebbe dal vivo e dunque tra i due microfoni si deve mettere qualcosa (anche una testa finta) che li separi, isolandoli o quasi.

Chi ha registrato il video della canzone di Lucy Rose aveva un microfono in ciascun orecchio, risolvendo così il problema di cosa metterci in mezzo per rendere l’effetto più realistico. Importante dunque seguire il cosiglio all’inizio del video di mettere un paio di cuffie posizionate correttamente e godersi Find Myself. Lucy Rose ha dichiarato di aver ritrovato il feeling con la sua chitarra e il piacere di fare musica. Ottima notizia, Lucy.

Annunci

Adamantine

English version of Adamantina originally published one year ago.

Time ago I was looking for some music videos of Patch & The Giant on Youtube and I found some live sessions of the channel Under The Apple Tree. Among the related videos, I tried to listen to some other folk artist brought by the same channel. My attention was caught by the British singer-songwriter Kelly Oliver with the song Far From Home. I was immediately captured by the crystalline voice and plucked guitar (I like it so much). Although her style is very close to some kind of folk music that is not exactly my thing, I wanted listen to her debut album This Land anyway, it was published last October. My expectations were based exclusively on Far From Home and are not disappointed at all.

Kelly Oliver
Kelly Oliver

Opens the album The Witch Of Walkern, a beautiful folk song, energetic which tells the story of a witch. Since the first song you can appreciate the vocal abilities of Kelly Oliver and her classic approach that is the underlying theme of the entire album, “And I appeal to you, as did the Witch of Walkern. / She was given a trial, and then a royal pardon. / I am as innocent as her, I can prove this isn’t fair, / I can say the Lord’s prayer“. The single Diamond Girl introduces the fingerpicking which I wrote above. This song also features the participation of colleague Luke Jackson. This song sounds like traditional folk music but with an air more younger and more modern that makes the song one of the most catchy, “And she could do no wrong in his eyes, all he could see / was this perfect one for him to spend his time with. / And if she said the word, he would be ready for her, / she was his diamond girl“. Mary And The Soldier is an exciting ballad with old-world charm. Oliver’s voice is light and bright, enough to be worth, in my opinion, as the best interpretation of the album, “And when we’re in a foreign land, I’ll guard you darling with my right hand, / in hopes that God might stand a friend to Mary and her gallant soldier“. Looks a little bit rock the next Daughter Dear that charms for its refrain, the result of the crystalline Oliver’s voice, who does not fail to show her talent with the harmonica, “No! Oh no no no, / no girl of mine will cross the sea / for this young boy’s glee. / He’d have you follow him but no, / a father’s love can see beyond a young girl’s dream“. Mister Officer returns to the atmosphere of the opening track, raising the bar at the final in a whirlwind of words and music,“Oh sir, Mr Officer, I wish I hadn’t seen / the sight of a guilty man, with no remorse showing in him. / And sir, Mr Officer, I wish I could erase / the sound of a dying boy, praying for God to end his pain“. Far From Home is the older sister of Diamond Girl. This is the song that kept me glued to that video and the reasons can be found in simplicity, melody and lyrics. All the magic is in the girl’s voice that lulls us into another story pleasant to listen and listen again, “There was a young boy. He thought he was a man. / He’d done a lot of work, he’d seen a lot of lands. / He loved the water, he loved the wind through his hair, / he loved the country, and the city dear. / He was always far from home, but he knew he’d always come home“. The next one is a classic traditional song called Caledonia. A beautiful version of a beautiful song although I prefer that of her compatriot Amy Macdonald, “So let me tell you that I love you, and I think about you all the time. / Caledonia you’re calling me, now I’m going home. / And if I should become a stranger, know that it would make me more than sad. / Caledonia’s been everything I’ve ever had“. A Gush Of Wind is another delicate and sad song that tells the troubled history of Bernadette. Another nice song to listen, “Until tragedy fell where Bernadette was living. / She woke to find her baby brother had died. / It was the start of the sadness and shame, / and the blessings yet to come“. Off To The Market continues on the same path laid out previously. The rhythms and sounds are the same and Kelly Oliver does not fail to enchant again this time, “Off to the market we’ll go, we’ll search high and we’ll search low. / For we’re looking for a body to buy. Then we’ll take the bones and eyes, / heart, blood, liver and skin. We’ll sell it all for half a million“. Grandpa Was A Stoker is no exception, “Tell, tell the story again. Tell, tell of Grandpa again. / Grandpa worked as a stoker, he worked on his feet. / The work was hard, you wouldn’t believe. / For so the ships could sail“. Closes Playing With Sand that has a hint of pop, resulting catchy and light. The track hides an a cappella reprise of Diamond Girl, “There were five brothers and a baby girl, / they lived respectably in the Eastern part of the world. / Their father worked his way to the head of the railway. / Their mother, she was in a class of her own“.

This Land is an album that has graced this fall but is good for every season. It is hard not to fall in love with the crystalline voice of Kelly Oliver and her guitar with her harmonica. This album is an excellent debut that leaves you the feeling that this singer-songwriter is one of those discoveries to watch for the future. I’m sure you’ll hear about her in the future, when she will be a protagonist of the folk music scene.  You can listen This Land over and over again. However, it show some signs of weakness in the last few songs. Just details, nothing else. I leave you to her music and her lyrics, simple but poetic stories.

Thank you Kelly

Adamantina

Tempo fa cercando alcuni video dei Patch & The Giant si Youtube, trovai alcune sessioni live del canale Under The Apple Tree. Tra i video correlati provai ad ascoltare qualche altro artista folk proposto dallo stesso canale. Ha ottenuto la mia attenzione la cantautrice britannica Kelly Oliver con la canzone Far From Home. Sono stato subito catturato dalla voce cristallina e dalla chitarra pizzicata (che tanto mi piace). Nonostante il suo stile sia molto vicino ad un certo tipo di folk che non è esattamente nelle mie corde, ho voluto lo stesso ascoltare il suo album d’esordio This Land pubblicato questo Ottobre. Le mie aspettative erano legate esclusivamente a Far From Home e non sono per nulla deluse.

Kelly Oliver
Kelly Oliver

Apre l’album The Witch Of Walkern, una bella canzone folk, energica che racconta la storia di una strega. Fin dal primo brano si possono apprezzare le doti canore di Kelly Oliver e il suo approccio classico che è il filo conduttore di tutto l’album, “And I appeal to you, as did the Witch of Walkern. / She was given a trial, and then a royal pardon. / I am as innocent as her, I can prove this isn’t fair, / I can say the Lord’s prayer“. Il singolo Diamond Girl introduce quel fingerpicking di cui scrivevo sopra. Questa canzone canzone vede anche la partecipazione del collega Luke Jackson. Il folk è sempre quello tradizionale ma con un piglio più giovane e moderno che rende la canzone una delle più orecchiabili, “And she could do no wrong in his eyes, all he could see / was this perfect one for him to spend his time with. / And if she said the word, he would be ready for her, / she was his diamond girl“. Mary And The Soldier è un’emonzionante ballata dal fascino d’altri tempi. La voce della Oliver è leggera, luminosa tanto da valere, a mio avviso, come la migliore interpretazione dell’album, “And when we’re in a foreign land, I’ll guard you darling with my right hand, / in hopes that God might stand a friend to Mary and her gallant soldier“. Dal piglio più rock Daughter Dear che incanta per il suo ritornello, frutto della voce squillante della Oliver, che non manca di mostrare il suo talento anche con l’armonica a bocca, “No! Oh no no no, / no girl of mine will cross the sea / for this young boy’s glee. / He’d have you follow him but no, / a father’s love can see beyond a young girl’s dream“. Mister Officer ritorna sulle atmosfere della traccia di apertura, alzando il tiro nel finale in un vortice di parole e musica, “Oh sir, Mr Officer, I wish I hadn’t seen / the sight of a guilty man, with no remorse showing in him. / And sir, Mr Officer, I wish I could erase / the sound of a dying boy, praying for God to end his pain“. Far From Home è la sorella maggiore di Diamond Girl. Questa è la canzone che mi ha tenuto incollato a quel video e i motivi si possono cercare nella semplicità nella melodia e nel testo. Tutta la magia sta nella voce della ragazza che ci culla in un’altra storia piacevole da ascoltare e riascoltare, “There was a young boy. He thought he was a man. / He’d done a lot of work, he’d seen a lot of lands. / He loved the water, he loved the wind through his hair, / he loved the country, and the city dear. / He was always far from home, but he knew he’d always come home“. La successiva è un classico della tradizione, ovvero Caledonia. Una bella versione di una bella canzone anche se preferisco quella della connazionale Amy MacDonald, “So let me tell you that I love you, and I think about you all the time. / Caledonia you’re calling me, now I’m going home. / And if I should become a stranger, know that it would make me more than sad. / Caledonia’s been everything I’ve ever had“. A Gush Of Wind è un’altra canzone delicata e triste che racconta la tormentata storia di una certa Bernadette. L’ennesimo ascolto piacevole di questo album, “Until tragedy fell where Bernadette was living. / She woke to find her baby brother had died. / It was the start of the sadness and shame, / and the blessings yet to come“. Off To The Market continua sulla stessa strada tracciata in precedenza. I ritmi e le sonorità sono le stesse e Kelly Oliver non manca di incantare anche questa volta, “Off to the market we’ll go, we’ll search high and we’ll search low. / For we’re looking for a body to buy. Then we’ll take the bones and eyes, / heart, blood, liver and skin. We’ll sell it all for half a million“. Grandpa Was A Stoker non è da meno, “Tell, tell the story again. Tell, tell of Grandpa again. / Grandpa worked as a stoker, he worked on his feet. / The work was hard, you wouldn’t believe. / For so the ships could sail“. Chiude Playing With Sand che ha un retrogusto più pop, risultando orecchiabile e leggera. La traccia nasconde una reprise a cappella di Diamond Girl, “There were five brothers and a baby girl, / they lived respectably in the Eastern part of the world. / Their father worked his way to the head of the railway. / Their mother, she was in a class of her own“.

This Land è un album che ha allietato questo autunno ma è buono per ogni stagione. Non si fa fatica ad innamorarsi della voce squillante di Kelly Oliver e della sua chitarra in coppia con l’armonica. Questo album è un ottimo esordio che lascia la sensazione che questa cantautrice è una di quelle scoperte da tenere d’occhio in futuro. Sono sicuro che risentiremo parlare di lei, quando si farà spazio nel folk cantautorale che conta. This Land si lascia ascoltare più e più volte mostrando però qualche segno di debolezza negli ultimi brani. Dettagli, nient’altro. Il resto lo lascio alla sua musica e a suoi testi, storie semplici ma poetiche.

Mi ritorni in mente, ep. 11

Questa volta mi è tornata in mente non una canzone ma una band. Non so se è corretto definire “band” le due sorelle, Johanna e Klara Söderberg o se è più corretto definirle semplicemente coppia. Meglio usare il loro nome d’arte First Aid Kit. Forse grazie ad un’altra coppia di sorelle del folk, Lily & Madeleine, e anche grazie a Youtube sono tornato ad ascoltare qualcosa di loro. Quando uscì secondo album, The Lion’s Roar, avevo esitato ad ascoltarlo interamente ma ora grazie al brano Emmylou mi sono definitivamente convinto. Ora è nella mia libreria e presto mi dedicherò al suo ascolto.

C’è da aggiungere anche il fatto che le First Aid Kit stanno preparando un album nuovo per questo 2014 e prima preferirei ascoltare The Lion’s Roar. Detto questo non resta che ascoltare ancora una volta Emmylou. Come questa canzone dimostra, le First Aid Kit fanno un folk più classico e americano rispetto alle colleghe Lily & Madeleine e forse continuerò a preferire queste ultime ma mai dire mai.

I’ll be your Emmylou and I’ll be your June
If you’ll be my Gram and my Johnny too.
No, I’m not askin’ much of you
Just sing little darlin’, sing with me.

Mi ritorni in mente, ep. 9

La musica che ascolto non va più indietro del 1982. Qualcuno sicuramente mi direbbe che mi perdo il meglio. La musica degli anni ’60 e ’70 è la migliore, dicono. Secondo me è semplicemente una questione anagrafica. O forse no. A dire la verità il modo di fare musica degli anni ’80 proprio non riesco a sopportarlo salvo qualche eccezione. Ho solo i R.E.M. negli anni ottanta. Il 1982 è l’anno di Chronic Town. Più indietro non vado. Non lo faccio apposta ma sono più attratto dalla musica di oggi che quella di ieri. Fosse anche la migliore. La musica come la intendiamo oggi, quella che si può ascoltare ovunque, in qualsiasi momento e infinite volte si può dire che sia nata negli anni ’50. Si può quindi pensare che la musica in poco più che 60 anni sia già esaurita? Non credo. Certo negli anni ’60 sono state fatte tante cose belle che hanno cambiato la storia della musica. Ma non venitemi ha dire che allora non c’erano canzoni orribili come oggi. I fenomeni di una stagione c’erano allora come ci sono oggi. Inoltre in questi ultimi anni c’è un grande revival degli anni ’80, che allora erano considerati da molti come i peggiori dal punto di vista musicale. Ecco perchè non penso che la musica sia peggiorata nel tempo ma è solo una questione di visibilità. Ieri chi riusciva a “sfondare” erano relativamente pochi. Oggi basta un video su YouTube per farsi conoscere da milioni persone ed ecco spigato perchè il peggio ha più visibiltà di ieri e qundi si notà di più.

Mi sto addentrando in un territorio di cui non sono mimamente competente. Lascio fare il loro lavoro agli opinionisti esperti. Io mi considero un semplice “consumatore finale di musica” che cerca un brivido o qualche tipo di emozione tra le note. Questa canzone qualche brivido me lo ha dato, come buona parte delle canzoni dei R.E.M. fanno. Swan Swan H è una delle loro canzoni che preferisco. Cosa c’entra con quanto scritto sopra? Niente.

Swan, swan, hummingbird
Hurrah, we are all free now
What noisy cats are we
Girl and dog he bore his cross
Swan, swan, hummingbird
Hurrah, we are all free now
A long, low time ago, people talk to me

Triplo salto mortale

Tre nuovi singoli. Questo agosto è davvero ricco di musica e di novità. Cominciamo dal nuovo singolo di Anna Calvi estratto dall’album di prossima uscita One Breath. La canzone s’intitola Eliza e mantiene intatte tutte le caratteristiche che hanno reso famosa la cantautrice inglese. A mio parere come singolo è un po’ debole e richiama troppo le sonorità dell’album d’esordio. Come al solito bisogna ricordare che il singolo deve fare buona pubblicità all’album e quindi meno è distante dall’idea di Anna Calvi che abbiamo, meglio è. Naturalmente è lecito aspettarsi qualcosa di più dalla Calvi e sono sicuro che non ci deluderà. Intanto mi ascolto più attentamente questa Eliza in attesa di qualcosa di più affascinante che metta in risalto la voce e la chitarra della Calvi più di quanto riesca a fare questo singolo.

Novità in arrivo anche per Lily & Madeleine. Dopo l’apprezzato The Weight Of The Globe, le due sorelline sono pronte a fare il loro esordio con il self-titled album come da prassi. Ad aprire le danze è il singolo Devil We Know che conferma le buone intenzioni di Lily e Madeleine. L’album sarà pubblicato il 29 ottobre e curiosamente non contiene nessuna traccia pubblicata nel precedente EP. Significa forse che le due ragazze hanno ispirazione da vendere? Staremo a sentire. Sono molto curioso…

Ma il singolo più atteso, per quanto mi riguarda, è sicurmente quello estratto da Aventine, la nuova creatura di Agnes Obel. Il singolo come anticipato s’intitola The Curse ed è… bellissimo! Più archi, atmosfere ancora più oscure e malinconiche del precedente. Questa è la Agnes Obel che voglio ascoltare. Questa musica è quella che vorrei ascoltare di più. Cosa dire? Questa The Curse basta da sola.

Realtà e promesse sulla nuova strada

Ormai è ufficiale. Mi sono dato al folk, almeno temporaneamente. In questo periodo, sarà l’estate, mi incuriosisce la musica folk straniera, americana o anglosassone che sia. Sarà forse perchè c’è voglia di vacanza e tranquillità ma il songwriting folk dalle melodie rilassanti è ciò che ultimamente mi fa più piacere ascoltare. Se poi si tratta di musica folk al femminile è meglio. Ecco perchè queste due sorelle americane sono in cima alla lista degli album che sto ascoltanto. In seguito ad una cover di Our Pretty Waves delle First Aid Kit postata su Youtube le due ragazzine hanno pubblicato il loro primo EP con il nome di Lily & Madeleine, The Weight Of The Globe. Il disco è composto da 5 tracce tra le quali spiccano In The Middle, Things I’ll Later Lose e una su tutte Back To The River. Anche le altre due canzoni Tired e These Great Things non fanno altro che confermare le buone impressioni delle restanti.

Lily & Madeleine
Lily & Madeleine

Si potrebbe pensare che queste due adolescenti siano le tipiche cantautrici folk alle prime armi che si divertono a strimepellare qualche nota ma sarebbe sbagliato farlo. Lily & Madeleine sono alle prime armi, è vero, ma dimostrano di avere un capacità di scrittura invidiabile e un’ispirazione altrettanto tale. La versione di studio dell’EP è arricchita rispetto alla più semplice versione acustica, anch’essa disponibile, e il confronto rende l’idea di quanto possono ancora dare Lily e Madeleine. Pare che le registrazioni per il primo album siano in corso e potrebbe vedere la luce questo autunno. Non resta che aspettare e sentire se le sorelle si confermeranno una realtà del folk o rimaranno eterne promesse. Unica cosa certa è che ora il folk m’intriga come non mai. La ricerca di nuova musica in questa direzione è già partita…